Spettacolo Conservatorio Nicolini Piacenza

La rappresentazione dell’oratorio “ il Trionfo della Morte” e la lettura del “Dialogo della Natura ed un islandese” di Leopardi si possono definire un percorso filosofico sul complicato, spesso conflittuale rapporto che l’uomo ha oggi con la Natura.
Dall’antropocentrismo biblico all’ ”ecocentrismo” leopardiano; dalla convinzione di essere creatura speciale alla realizzazione di un’ uguaglianza nella sorte, mai preordinata di ogni essere vivente.
Se l’uomo biblico è privilegiato relatore col creatore di cui è immagine, l’islandese errante sente la caducità di ogni presunto privilegio nella continua sofferenza a cui egli, tutti gli uomini, tutti gli esseri viventi sono soggetti.
Nell’attuale sistema economico mondiale, figli di quell’ Adamo, abbiamo concentrato il nostro istinto nella sopravvivenza e nell’usufrutto totale di ciò che è nostro di diritto in quanto “ fatti ad immagine di Dio”.
La distruzione dell’ecosistema una calamità da evitare, certo! Nella nostra magnanima divinità!
Dunque una capricciosa volontà del dio in terra che oggi si commuove dinnanzi al suddito imbrigliato nella plastica e poi continua a chiedere, consumare, distruggere, immaginando, padrone di ogni cosa, fatto così da Dio, di poter espandere il proprio usufrutto su altri pianeti da conquistare.
Per noi, non per gli altri esseri viventi è necessario posare la corona, scendere dallo sgabello. Perché né noi distruggeremo la Natura, né la Natura distruggerà noi. Saremo noi a distruggere noi stessi. E non sarà per caso questa morte. Poiché il nostro saper leggere e comprendere cosa siamo e cosa non siamo, ci rende capaci di scegliere cosa fare e cosa non fare per restare parte di questa bellissima vita di cui, casualmente ma non necessariamente facciamo parte.

 

Per maggiori informazioni scarica la locandina.

Documenti Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu